Vai menu di sezione

Autorizzazioni e concessioni

A tutela del demanio idrico gli interventi sui corsi d'acqua demaniali, all'interno di particelle demaniali e all'interno delle fasce di rispetto devono essere assoggettati ad autorizzazione.

L’amministrazione e la tutela del demanio idrico sono regolamentate dal Regio Decreto n. 523 del 25 luglio 1904 ('Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie') ripreso dal Capo I della legge provinciale n. 18 del 1976 in materia di acque pubbliche ed opere idrauliche che, sulla base del recente regolamento di attuazione approvato con Decreto del Presidente della Provincia n. 22-124/Leg del 20 settembre 2013, prevede la possibilità di rilasciare concessioni ed autorizzazioni.

Con la concessione il soggetto acquista diritti o poteri che prima non possedeva, mentre con l'autorizzazione viene rimosso un limite, un ostacolo o un vincolo nell'esercizio di un diritto preesistente.

  CONCESSIONE AUTORIZZAZIONE
DOVE
  • Aree all'interno del demanio idrico
  • Aree che ricadono nelle fasce di rispetto dei corsi d'acqua
AZIONE
  • Il soggetto acquista diritti o poteri che prima non possedeva
  • Al soggetto viene rimosso un limite, un ostacolo o un vincolo nell'esercizio di un diritto preesistente
QUANDO
  •  - Per l'occupazione delle proprietà del demanio idrico: attività consentite prevalentemente a titolo oneroso, fatti salvi gli interventi di breve durata e di poca importanza e quelli realizzati da amministrazioni ed enti pubblici
  • - Per il taglio della vegetazione e l’estrazione di materiale dagli alvei, anche a titolo oneroso: attività rilasciate quando si configurano come interventi di manutenzione per il miglioramento della funzionalità degli alvei
  • - Per interventi ed opere che ricadono nella fascia di rispetto idraulico, ovvero entro 10 metri da qualsiasi proprietà del demanio idrico

Entrambe possono essere emesse in 3 forme, in base all'entità dell'intervento proposto: 

  • ordinarie o in deroga,
  • di breve durata e poca importanza
  • emesse tramite silenzio assenso dell'amministrazione.

A queste si aggiungono le autorizzazioni relative all'applicazione della normativa in materia di pericolosità idrogeologica ai sensi delle norme di attuazione del Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche (PGUAP).

Tutti questi provvedimenti sono individuati come procedimenti amministrativi con deliberazione della Giunta Provinciale ai sensi della legge provinciale n. 23 del 30 novembre 1992 (Principi per la democratizzazione, la semplificazione e la partecipazione all'azione amministrativa provinciale e norme in materia di procedimento).

Pagina pubblicata Sabato, 09 Febbraio 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto