Vai menu di sezione

News

Progetto HyMoCARES - Fluitazione dei sedimenti e loro impatto ambientale.

  • Incontro pubblico il 3 maggio alle ore 18:00, presso il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme.
    Durante l’incontro saranno illustrare le attività di monitoraggio e gli aspetti tecnici della fluitazione del bacino di Pezzè di Moena, prevista nel mese di maggio 2019.
  • Data di pubblicazione: 23/04/2019

Dimaro: presentati tutti gli interventi per la mitigazione del pericolo nell'area del rio Rotian

  • Ieri sera un incontro con la popolazione al teatro comunale
  • “Una serata sui progetti degli interventi già fatti e su quelli che verranno portati avanti in futuro, con l’ascolto comprensibile e legittimo di chi vuole fare domande e portare in evidenza criticità o preoccupazioni, ma nella direzione di dare maggiore sicurezza al territorio” così il presidente della Provincia autonoma di Trento ha definito l’incontro svoltosi ieri sera a Dimaro, in un affollato teatro comunale che ha visto sul tavolo dei relatori, oltre allo stesso presidente, l’assessore all'agricoltura e foreste, i sindaci di Dimaro e Commezzadura, il dirigente generale modellista Grandi Opere e ricostruzione Raffaele De Col, i tecnici del servizio Bacini Montani Roberto Coali e Andrea Casonato. “Il vostro territorio, così duramente colpito, ha mostrato fin da subito la forza di rialzarsi – ha sottolineato il governatore – la comunità ha mostrato una grande capacità di reagire, mettendo in campo tutta la propria coscienza civica. Anche da parte dell’amministrazione è stato fatto il possibile per avviare in tempi brevi la ricostruzione, investendo risorse e con l’apporto di tutti, tecnici e rappresentanti istituzionali di maggioranza e di opposizione”. Un ringraziamento particolare è stato rivolto anche dall'assessore all'agricoltura e foreste ai servizi provinciali, ai Vigili del fuoco, alla Protezione civile. “Dimaro ha dato un grande esempio di comunità, affrontando una situazione drammatica. Adesso guardiamo al futuro, investendo in progetti di messa in sicurezza”, ha detto ancora l’assessore.
    Come spiegato nel corso della serata, gli interventi per la messa in sicurezza del conoide del rio Rotian si suddividono in tre tranche: nella parte alta sono state trovate soluzioni per contrastare l’eventuale innesco di materiale, nella parte media per aumentare la capacità di laminazione dei detriti e nella parte bassa per l’adeguamento della deviazione del torrente, che si getta nel Noce proprio a fianco dell’abitato di Dimaro. Intanto, la buona notizia data agli sfollati è che potranno rientrare nelle loro case ragionevolmente nella prima estate prossima, a seguito di tutti i controlli necessari di sicurezza effettuati dalla Protezione civile.
  • Data di pubblicazione: 13/04/2019

60 milioni di euro per la manutenzione dei corsi d'acqua dopo la tempesta Vaia

  • Approvato il Piano degli interventi di sistemazione idraulico-forestale 2019-2023
  • La tempesta Vaia dello scorso fine ottobre non ha solo raso al suolo 19 mila ettari di bosco, ma ha anche provocato numerose criticità sul reticolo idrografico provinciale con diffusi dissesti idrogeologici: frane, colate, rilasci di materiale, cedimenti alle strutture stradali, danni agli acquedotti ed alle linee energetiche ed alle reti di smaltimento delle acque.
  • Data di pubblicazione: 29/03/2019

Maltempo: Fugatti, a Dimaro sarà acquisita area devastata

  • Piano per messa in sicurezza, entro settembre investiti 100 mln
  • Data di pubblicazione: 25/03/2019

In arrivo vento forte da nord

  • Le raffiche più intense sono attese nella tarda serata di oggi quanto potranno raggiungere diffusamente gli 80-100 chilometri all'ora, con punte localizzate anche superiori ai 120, specie sui settori orientali e meridionali. Dopo questa fase particolarmente intensa si prevede una graduale attenuazione dell'intensità dei fenomeni, che dovrebbero cessare nella serata di domani, martedì 26 marzo 2019.

  • Data di pubblicazione: 25/03/2019

Riaperta al traffico la provinciale per Ranzo dopo la frana

  • Lo smottamento nelle prime ore del mattino, nel pomeriggio previsti i lavori di disgaggio della parete rocciosa
  • E’ stata già riaperta al traffico la strada provinciale 18 che collega l’abitato di Vezzano con Ranzo, interessata nella prima mattinata di oggi da uno smottamento. La frana si è verificata in una zona distante un chilometro dall’abitato di Lon. Alcuni massi di piccole dimensioni hanno invaso la careggiata. Grazie anche all’intervento dei pompieri volontari, il materiale roccioso è stato rimosso. Sul luogo è stata effettuata una ricognizione con l’elicottero del vigili del fuoco che ha permesso di individuare la zona del distacco. Secondo il Servizio gestione strade della Provincia autonoma di Trento, il 90 per cento del volume della frana si è già riversato a valle. Nel pomeriggio di oggi sono previsti dei lavori di disgaggio del versante montuoso che provocheranno la sospensione temporanea della circolazione.
  • Data di pubblicazione: 11/02/2019

Risorse in arrivo per la ricostruzione e il territorio e sui grandi carnivori disponibilità a sperimentare

  • A Dimaro i ministri Sergio Costa e Riccardo Fraccaro
  • In arrivo importanti risorse statali per ricostruire e per ristorare i danni dopo il maltempo della fine di ottobre. Inoltre sui grandi carnivori c’è la disponibilità, che sarà valutata anche in sede di Conferenza Stato Regioni, di sperimentare in Trentino - il territorio assieme ad Ispra - un nuovo modello di gestione. Lo hanno confermato i ministri dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa e quello per i rapporti con il Parlamento e per la democrazia diretta Riccardo Fraccaro, in visita oggi a Dimaro dove hanno incontrato il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti. Dopo l’incontro in municipio la visita ai luoghi colpiti dalla frana, oggi ricoperti dalla copiosa nevicata delle ultime ore. “Abbiamo sentito – ha detto il presidente Fugatti - che ci saranno dei fondi per la ricostruzione e per i danni e che c’è stata poi un’apertura per una sperimentazione di una gestione diversa dei grandi carnivori e il riconoscimento che in caso di problemi di pubblica sicurezza la competenza è in capo al ministero dell’Interno e delle sue articolazioni: mi sembrano aperture interessanti”. Il ministro Costa ha annunciato la presentazione del piano grandi carnivori alla Conferenza Stato Regioni e la previsione, con il coinvolgimento di Ispra, di una sperimentazione nel territorio trentino, lavorando assieme, per trovare le migliori mitigazioni e la migliore convivenza. I problemi di pubblica sicurezza, ha aggiunto il ministro, sono un'altra cosa e fanno capo al ministero dell’Interno e alle sue strutture.
  • Data di pubblicazione: 02/02/2019

Anche il presidente Fugatti alla cerimonia di addio al “padre” della Protezione Civile

  • Oggi a Varese i funerali di Giuseppe Zamberletti
  • Anche La Provincia autonoma di Trento – con il suo presidente Maurizio Fugatti – ha voluto dare l’estremo addio a Giuseppe Zamberletti, il “padre” della Protezione Civile, ovvero di un sistema organizzativo che negli anni ha assunto un ruolo insostituibile nelle attività di tutela delle persone e dei beni in Italia, a fronte di calamità naturali che hanno assunto sempre maggiore frequenza e intensità.
  • Data di pubblicazione: 29/01/2019

Comunicare i rischi naturali, dai cambiamenti climatici alle alluvioni

  • Il tema sarà dibattuto venerdì 25 gennaio alle 18 al MUSE – Museo delle Scienze
  • Dialogo tra Giancarlo Sturloni - giornalista e docente alla Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati (SISSA) di Trieste e autore del manuale "La comunicazione del rischio" - e Roberto Poli, cattedra UNESCO sui sistemi anticipati e coordinatore del progetto europeo LIFE FRANCA. Modera il dott. Roberto Coali, dirigente del Servizio Bacini Montani PAT. La presentazione del manuale si inserisce tra le attività del progetto europeo LIFE FRANCA, che promuove l’anticipazione e la comunicazione del rischio alluvionale nelle Alpi. Ingresso libero. È consigliata la prenotazione al n. 0461 270311.
  • Data di pubblicazione: 21/01/2019

Alberi danneggiati: ecco il Piano d'azione per la ricostruzione delle foreste trentine

  • Complessivamente sono stati abbattuti 3.300.000 metri cubi di legname
  • Tutelare la filiera trentina del legno, attraverso un approccio coordinato e di sistema, in grado di mettere in sicurezza e ricomporre il territorio boschivo del Trentino. E' questo l'obiettivo del Piano d'azione per la gestione degli interventi di esbosco e ricostituzione dei boschi danneggiati dal maltempo di fine ottobre 2018. Oggi, il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha firmato l'ordinanza di approvazione del Piano, che viene ora trasmesso alla Protezione civile nazionale per gli adempimenti di competenza statale.
  • Data di pubblicazione: 18/01/2019
torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Lunedì, 12 Novembre 2018 - Ultima modifica: Lunedì, 10 Giugno 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto